Sme 02
centro commerciale le isole 01
RVL Banner2
emporio occhiali factory outlet 01
i libri di meg 01
Trail run Vco
Ferramenta Riboni
Impiantistica 02
Home / Basket / L’Olimpia domina nel segno di James
Impiantistica 02

L’Olimpia domina nel segno di James

Una Milano di un altro pianeta quella vista al PalaEolo di Castelletto Ticino nella due giorni dedicata al ricordo di Luciano Giani, presidente e anima dell’Oleggio Basket scomparso nei mesi scorsi.

La squadra di Pianigiani ha dimostrato di avere risorse ed armi infinite: dopo la facile vittoria nella semifinale di sabato con Casale, l’Olimpia ha dominato anche la finalissima, stendendo Varese con l’impietoso punteggio di 106-72. Davvero impressionante la differenza tecnica e fisica tra le due compagni: la sensazione è che l’Armani quest’anno possa fare parecchia strada anche in Eurolega, vero, grande obiettivo per la società meneghina dopo le magre figure delle ultime stagioni. L’inserimento dell’ex Paffoni Mike James, strappato al Panathinaikos ed alla corte delle big continentali, è stata la ciliegina sulla torta. E proprio il ragazzo di Portland ha già incantato in maglia Olimpia: tante giocate di classe purissima, tra schiacchiate, triple, penetrazioni, assist, rimbalzi e stoppate. Insomma, un repertorio vasto, con l’investitura in conferenza stampa di Pianigiani, che lo ha elogiato pubblicamente sottolineando che il play con tanti punti nelle mani potrà essere decisivo nella massima competizione continentale. Ma Milano non è solo James: ha un Kuzminskas già tirato a lucido e top scorer della finale con 21 punti, un Micov utile così come tutti i componenti di un roster chilometrico, che ieri aveva assenti Cinciarini, Burns e Nedovic, impegnati con le loro nazionali. L’Openjobmetis, che come obbiettivo stagionale ha quello della conquista dei play-off, ha provato ad arginare lo strapotere milanese, ma senza di fatto mai riuscirci. Le note più positive per Caja sono arrivate da capitan Ferrero, l’ultimo a mollare e da un Tambone ispirato al tiro. La finalina del torneo è stata invece vinta da Casale, che ha respinto la rimonta tardiva di Biella: 69-65 il punteggio conclusivo per i ragazzi allenati dall’ex Legnano Mattia Ferrari che ha preso il posto di Remondino

Rvl 600 02